Martedì, 24 Luglio 2018 18:02

Siracusa, cani bruciati vivi: “si poteva evitare questa strage”.

“Cinque cani sono morti bruciati vivi in un incendio a Siracusa. Erano gli stessi animali per cui i NAS erano intervenuti ad agosto 2017, e il magistrato aveva disposto il sequestro, ma l’ASP che doveva verificare le loro condizioni non si sarebbe mai recata sul luogo”. Lo denuncia la onlus Animalisti Italiani. “È l’ennesimo atto di crudeltà - prosegue la onlus - che non possiamo più tollerare. È necessario porre fine al clima di sostanziale impunità che circonda i reati a danno dei nostri amici animali. Le leggi esistono, ma non vengono applicate in questa terra martoriata dall’emergenza randagismo e dai continui maltrattamenti. Lo Stato qui non c’è, e come al solito tutto ricade sui volontari locali. Chiediamo che vengano accertate le responsabilità e che i colpevoli paghino per le morti causate". Cettina Sirugo, referente locale di Animalisti Italiani onlus, nella stessa nota ha ricordato la dinamica dei fatti. “I cani sono deceduti dopo una lenta agonia con i loro cuccioli attorno, una scena raccapricciante. Erano legati agli alberi e rinchiusi in box fatiscenti. Abbiamo tratto in salvo dei piccoli di circa un mese, che per fame si mangiavano dei topi morti. Vite dimenticate e lasciate morire per negligenza e menefreghismo". “Chiediamo - conclude l’animalista - al direttore dell'Asp di fornire le giuste spiegazioni a riguardo se non le dimissioni per dignità. Quanto è accaduto alle porte di Floridia è un’onta che la Sicilia non merita. Il Comune si costituisca parte civile”.

Donazione

Per effettuare una donazione all'Associazione Animalisti Onlus, clicca il pulsante "Donazione" ed attendi qualche istante per effettuare la tua donazione online. O tramite bonifico:
Unicredit Banca IBAN IT 23 R 02008 05041 000110085946

5 per mille animalisti italiani onlus

Chi c'è Online

Abbiamo 129154 visitatori e nessun utente online